Scegliere la lampadina giusta… un’idea luminosa

Scegliere la lampadina giusta… un’idea luminosa

Vi è mai capitato di trovarvi nel vostro negozio di ferramenta di fronte a un muro di lampadine? Con una miriade di opzioni tra cui poter scegliere? Tipi di attacco, potenza, luce calda o fredda… Da far girare la testa!
In questo articolo esploreremo insieme il magico mondo delle lampadine e vedremo quale scegliere.

Una storia antica

Chi ha inventato la lampadina? Quando si nomina la parola “lampadina”, il pensiero va automaticamente all’americano Thomas Edison. Ma non tutti sanno che egli si limitò a perfezionare l’invenzione del britannico sir Joseph Wilson Swan che brevettò la lampadina a incandescenza nel 1878. Da quel lontano giorno, la lampadina ne ha fatta di strada, basti pensare che nel 2009 la Comunità Europea ha vietato la produzione delle lampadine a incandescenza e di quelle fluorescenti meno efficienti. E, nel 2018, anche le luci alogene hanno subito lo stesso destino. Abbiamo dato, così, il benvenuto alle lampadine a LED.

Il LED fa risparmiare

Si dice spesso che “il LED fa risparmiare”… ma come avviene tutto ciò, se le lampadine a LED costano generalmente di più rispetto a quelle altro tipo? Per prima cosa, il LED consuma molta meno energia delle lampadine a incandescenza e di quelle alogene. Prendiamo, ad esempio, una lampadina a incandescenza da 100 Watt. Per ottenere la stessa luce, basta una lampadina a LED da 20 Watt! Un quinto della potenza necessaria. Il Watt è, infatti, la misura della frequenza con cui viene prodotta o consumata energia. La cosa fa bene all’ambiente e… anche al portafoglio.
Un altro vantaggio delle lampadine a LED rispetto delle altre fonti luminose che abbiamo preso in considerazione è che durano molto di più. Impattando meno come materie prime utilizzate e come smaltimento.

La lampadina giusta

Parlavamo prima delle varie scelte per quanto riguarda le lampadine a LED. Infatti, oltre a poter scegliere se avere una luce calda o fredda, se ne può decidere anche il colore. Per fare ciò occorre avere in mente il concetto di temperatura colore. Di cosa si tratta? È il colore della luce emessa da una lampada e la sua tonalità e viene misurata in Kelvin in una scala che va dai 1000 Kelvin ai 10000 Kelvin. Più il valore è vicino ai 1000 Kelvin, più la luce è calda e tendente all’arancione. Circa alla metà troviamo il colore bianco neutro. Mentre valori che tendono ai 10000 Kelvin danno risultati azzurro blu.
Dunque, come scegliere la lampadina giusta? Guardando i Watt, ma anche i Kelvin. Tutto dipende dall’effetto luminoso che volete ottenere.

 

About the Author
HaSSenergia